sabato 9 febbraio 2013

Red Velvet Ruffle cake per festeggiare San Valentino (in anticipo!)

Si sa, i pasticcieri lavorano soprattutto durante i giorni di festa, e così capita che mentre tutti festeggiano noi lavoriamo. E da qui l'idea di festeggiare il San Valentino col mio amore in anticipo, approfittando di una serata libera a casa per pasticciare. Volevo qualcosa di rosso e di super goloso, ma soprattutto volevo usare il famigerato beccuccio n.109 della Wilton comprato mesi fa e mai usato per mancanza di tempo. E allora: Red Velvet Ruffle Cake! 

La ricetta è quella infallibile di Joy of baking, io l'ho seguita alla lettera!









Red Velvet Cake 
(le dosi sono per uno stampo da 20 cm, io ho usato un 18 cm per avere strati più alti)



250 gr di farina setacciata
1 cucchiaino di sale
15 gr di cacao amaro
113 gr di burro a temperatura ambiente (molto morbido)
300 gr di zucchero
2 uova grandi
1 cucchiaino di estratto puro di vaniglia
250 ml di latticello (in alternativa 240 ml di latte + 1 cucchiaino di succo di limone fatto riposare per 20 minuti)
1 cucchiaino di colorante rosso in polvere
1 cucchiaino di aceto bianco + 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio

Setacciate insieme farina, sale e cacao.
In planetaria con la frusta a foglia (K) lavorate il burro morbido per 2 minuti, quindi aggiungete lo zucchero e sbattete per altri 3 minuti.
Aggiungere le uova, una alla volta, ed infine la vaniglia e sbattere ancora per 1 minuto. 

In una tazza aggiungere al latticello il colorante rosso in polvere e mescolare per scioglierlo bene.

Ora aggiungete in 3 volte il mix di farina, sale e cacao, alternandolo col latticello, iniziando e finendo con la farina. 
In una tazzina unire il bicarbonato di sodio e l'aceto, mischiarli velocemente con un cucchiaino e appena frizza versarlo rapidamente nell'impasto e amalgamarlo velocemente.

Dividete l'impasto in 3 stampi da 18-20 cm e cuocete a 175° (forno preriscaldato) per 25-30 minuti (prova stecchino).
Se la capienza del vostro forno non permette di infornare tutti e tre gli stampi riponete in frigo il resto dell'impasto, in modo da bloccarne la lievitazione.

Cheesecream (d'obbligo con la red velvet)

227 gr di philadelphia
227 di mascarpone
115 gr di zucchero a velo
360 gr di panna montata (35-40 % di grasso)
estratto puro di vaniglia

In planetaria, sempre con la frusta K, sbattere il philadelphia e il mascarpone fino ad ottenere una crema liscia, quindi aggiungere gradatamente lo zucchero a velo e la vaniglia e sbattere fino a che diventa di nuovo una crema liscia.
A parte montare la panna e aggiungerla alla crema di formaggio, mescolando delicatamente con una spatola.

La ricetta originale prevede che la panna sia aggiunta liquida alla crema di formaggio mentre la planetaria è in funzione e che monti insieme al formaggio. Io ho preferito aggiungere la panna montata a parte per ottenere un frosting più sostenuto, in modo da usare sac a poche.

Procedete ora alla farcitura e alla degustazione!

A presto
Baciuzzi golosi e buon San Valentino
Minù


23 commenti:

  1. ora tu dimmi... se anche io seguissi la ricetta in ogni sua virgola, riuscirei mai ad ottenere questo risultato? Sono certa di no, l'arte non è da tutti cara mia, e tu lo sai. E' meravigliosa!!!
    Auguri piccioncini :)
    Bacio speciale a te Chef!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zucchettina mia certo che riusciresti ad ottenere lo stesso risultato, joy of baking è una garanzia ;) E tu sei bravissima! Bacione a te :-*

      Elimina
  2. bravisima minù ,tantissimi auguri x un bel san valentino<3.proverò a farla anchio ma x la mia di valentina la mia figlioletta e spero che mi verà bene ciao tesoro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, buon San Valentino anche a voi!

      Elimina
  3. Un capolavoro è meravigliosa!
    io non riuscirò mai a farne una così ma volendo provarci il bimby è in grado di sostiuire la pnanetaria frusta K?
    Buon S.Valentino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luzzy,
      ora non ho presente il bimby che tipo di fruste ha, ma l'importante è non usare la frusta per montare gli impasti, cioè la puoi usare fino all'aggiunta delle uova, dopo poi dovresti continuare a mano con una spatola.
      Buon San Valentino anche a te :)

      Elimina
  4. prenderò spunto dalla tua red ..
    una domanda cara.. quindi non si può fare una torta unica e poi dividere a strati..? ma va cotta in stampi individuali ..?!
    lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima Lia, che piacere leggerti!
      La torta potresti anche cuocerla in un'unica teglia, ma dovrebbe essere alta almeno 10 cm, perché la torta cresce molto. Ed in ogni caso dovresti prolungare la cottura a più di 1 ora e non verrebbe omogenea, essendo un impasto pesante.
      Considerando che alla fine il tempo di cottura è quello, tanto vale dividere l'impasto.
      Il mio forno casalingo ad esempio permette la cottura di 1 teglia per volta, quindi peso l'impasto e lo divido per 3, nel frattempo che una teglia è in forno il resto dell'impasto lo metto in frigo per bloccare la lievitazione e procedo così finché ho cotto tutti e 3 gli strati :)

      Elimina
  5. Ciao Omonima volevo farti i complimenti fai cose meravigliose !!! Una domanda stupida ma devo farla e il lievito ??? Grazie e ciaoooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'azione lievitante è data dal bicarbonato che agisce con l'aceto ;)

      Elimina
  6. Adoravo Minù e il suo cucchiaino quindi non potrò non adorare anche il tuo blog! Mi sono iscritta!
    ps: questa torta deliziosa farebbe cadere ai tuoi piedi qualunque uomo, lo sai vero? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena! Il maritino ci è caduto hihih ;)

      Elimina
  7. Ciao, che bella/buona questa tortona!!! Romantica più che mai... ci parli di te? http://acasaconestro.blogspot.it/2013/02/un-giochino-per-conoscerci-meglio.html vieni a fare un giochino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca, passo con piacere, grazie!

      Elimina
  8. Ciao per questo San Valentino vorrei proprio provare la Red Velvet :) spero mi esca bene!!! Non vedo l'ora di assaggiarla!!Ma lievito non se ne mette?!Grazie ciao e complimenti per il blog... sopratutto per le ricette!!!

    RispondiElimina
  9. Ciao :-D
    Lievito in questa ricetta non ci va, l'azione lievitante è data dal bicarbonato di sodio che reagisce con l'aceto ;) e cresce tantissimo la torta ;)
    Ma mi raccomando, bisogna far reagire soda e aceto facendolo frizzare e unirlo subito all'impasto senza perder tempo ;)

    RispondiElimina
  10. Bellissima, e sono sicura anche buonissima!!! :)

    RispondiElimina
  11. Anche tu la red velvet...ma quest'anno è il tormentone della blogosfer! :-)
    Complimenti, bravissima come sempre, la tua è spettacolare ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  12. Cara Minù, ieri ho fatto un figurone con la Red Velvet, l'unica cosa è che secondo me i pan di spagna non hanno lievitato molto in forno, e poi la ceesecream (buonissima) mi è venuta proprio liquida liquida, non sò perchè, infatti l'esterno l'ho dovuto decorare con la panna vegetale montata! Se ti va passa a visitare il mio blog www.lacarruba.blogspot.com , in questi giorni carico il post con l'allestimento che ho fatto per la cenetta! :) Baci e alla prossima!!

    RispondiElimina
  13. Minu' ti seguo da tempo come lettrice fissa, anche se ti lasciò pochi commenti perché mi sembran sempre inadeguati a commentare i tuoi capolavori ! Mi piace moltissimo la decorazione ad onde ! Ti "invidio" perché il mio sogno e' quello di chiuder con il lavoro attuale, andare all'Alma e poi aprir una pasticceria. Ho fatto diversi corsi all'Etoile. Ci sei mai stata tu ?

    RispondiElimina
  14. Ciao, hai usato la Philadelphia in panetto o vaschetta...perché la consistenza è diversa...grazie e complimenti :)

    RispondiElimina

Un saluto, un consiglio, un commento o una semplice curiosità sono il segno del vostro graditissimo passaggio in questo mio spazio goloso. ^_^